GIORGIO SE NE VO’ I’ E ‘O VESCOVO N”O VO’ MANNA’

(TRAD.: Giorgio se ne vuole andare e il vescovo lo vuole cacciare)
Tipica espressione per intendere che due persone, nonostante siano di visioni opposte, giungono allo stesso risultato: Giorgio, servitore del vescovo, se ne vuole andare e il vescovo, dal canto suo, lo vuole mandar via. Il risultato è lo stesso; le due persone vogliono la stessa cosa, solo che la attribuiscono al proprio operato e non a quello dell’antagonista.
Il proverbio viene spesso utilizzato quindi in situazioni in cui le due parti desiderano la stessa cosa, ma vedono le circostanze e la contingenza, in modo diametralmente opposto, solo dal proprio punto di vista, finendo per dichiarare che la situazione ha preso quella piega grazie al proprio intervento o volontà.

Gioia Nasti
© Tutti i diritti riservati

Precedente Partenope e le origini di Napoli Successivo 'A FAMME FA ASCI' 'O LUPO D''O BOSCO