PULECENELLA QUANNO NUN TENE CHE FFA’ ARAPE E CHIUDE ‘A VOCCA

(Trad.: Pulcinella, quando non ha nulla da fare, apre e chiude la bocca)

Di persone che dicono sciocchezze ce ne sono tante nel mondo; questo proverbio viene utilizzato ogni qual volta si ascoltano stupidaggini o insensatezze varie. La frase si riferisce alla ben nota maschera napoletana, Pulcinella, il quale, non avendo nulla di meglio da fare, profferiva sciocchezze a destra e a manca. Le stupidaggini che gli uscivano di bocca sono sintetizzate nell’atto di aprire e chiudere le labbra, cioè nell’atto falsato di parlare dicendo cose assolutamente senza senso.
E’ chiaro, quindi, che questo proverbio si addice molto bene a situazioni in cui il vostro interlocutore profferisce discorsi assolutamente senza senso e, come Pulcinella dunque, apre e chiude la bocca senza produrre nulla di intelligente e/o comprensibile.

Gioia Nasti
© Tutti i diritti riservati

Precedente Il Vesuvio (2): l'eruzione del 1631 Successivo Il dialetto napoletano: dagli Aragonesi al Novecento