PASSAJE L’ANGELO E DICETTE “AMMEN”

(TRAD.: Passò l’Angelo e disse “Amen”)

Come tutti sanno, “Amen” significa “Cosi sia”, quindi affermare che un angelo passa e dice “Amen” equivale a dire che quello che si è affermato si avvererà.

Questo, diversamente dagli altri, non è un proverbio nel senso stretto del termine; si tratta più di un augurio che una persona rivolge ad un amico, ad un familiare, ad un conoscente, il quale gli illustra una situazione che vorrebbe si avverasse. Pronunciare questo detto alla fine del racconto, quindi, equivale ad augurare a quella persone che il suo desiderio si avveri.

Il detto si può anche utilizzare a fatti avvenuti; in pratica, una persona racconta ciò che avrebbe desiderato e come quella situazione è veramente accaduta. L’altro, allora, per rafforzare l’evidenza del fatto che il desiderio si è avverato quasi come per intervento divino, conclude dicendo “Passaje (oppure “è passato”) l’Angelo e dicette (o “ha ditto”) “Ammen”.

Gioia Nasti
© Tutti i diritti riservati

Precedente La città del sangue (2): S. Giovanni Battista, S. Pantaleone e S. Patrizia Successivo Le anime pezzentelle (2)