‘A JATTA PE’ I’ ‘E PRESSA FACETTE ‘E FIGLIE CECATE

(TRAD.: La gatta frettolosa fece i gattini ciechi)

Il proverbio pone l’accento sulla negatività della fretta. A Napoli, le cose non si fanno mai di fretta; c’è un tempo per qualsiasi cosa. A Napoli andare di fretta è cattiva educazione, perché per la fretta non puoi parlare con la gente che incontri, con gli amici, perché quando hai fretta tutto il resto scompare. Ma la fretta solitamente (quasi sempre, oserei dire) non è un’attitudine positiva; nella fretta ci si può dimenticare dei dettagli, si possono trascurare delle conseguenze, ci si può sbagliare nel giudizio. D’altronde, la gatta che ha fretta di partorire ha dei figli ciechi perché non ha dato loro il tempo di sviluppare la vista come avrebbero dovuto.

Quindi, cari amici, non siate eccessivamente frettolosi; prendetevi tutto il tempo che vi serve per riflettere, ponderare, decidere, osservare, ma soprattutto per condividere le cose belle della vita con chi amate.

Gioia Nasti
© Tutti i diritti riservati

Precedente Storia linguistica di Napoli (1): dal Medioevo agli Angioini Successivo Storia linguistica di Napoli (2): dagli Aragonesi al Viceregno