Iberismi nel napoletano

Come per la dominazione francese, anche le varie dominazioni spagnole hanno lasciato, nella lingua napoletana, un’eredità consistente. Vediamo insieme questi preziosi lasciti.

SPAGNOLO NAPOLETANO SIGNIFICATO
abajo (giù) abbascio giù
ayer (ieri) aiere ieri
bofar (gonfiare) abbuffare soffiare, riempirsi
buscar (procacciare) abbuscarse guadagnarsi
achaque (infermità) (ac)ciaccare farsi male
donde/adonde (dove) addonne, addò dove
mancar (mancare) ammancare diminuire
amohinar (infastidire) ammuina confusione
aparar (preparare) apparare addobbare
arrugar (corrugare) arrugnare restringere
arronsar (preparare male) arrunzare fare le cose in fretta
bofeton (ceffone) buffettone ceffone
de bueno à bueno (d’accordo) buono buono d’accordo (con rassegnazione)
caber (contenere) càpere entrare
cabezudo (ostinato) capuzziello arrogante, prepotente
quesadilla (torta di formaggio) casatiello torta salata di Pasqua
cecì (pesciolino) ceceniello bianchetto
coser (cucire) còsere cucire
conmigo, contigo (con me, con te) cu mmico, cu ttico con me, con te
colada (lavatura di panni) culata bucato
cuento (racconto) cunto racconto
cuchara (cucchiaio) cucchiara cucchiaio
correa (cinghia) currea cinghia
criar (allevare) crianza educazione
farallon (scoglio emergente) faraglioni Faraglioni (di Capri)
farfulla (balbuzie) farfugliare balbettare
flojo (debole) floscio moscio
jarra (brocca) giarra brocca
guapo (bello, elegante) guappo camorrista
juntar (unire) jonta giunta, aggiunta
làzaro (povero, mendicante) lazzaro ragazzo del popolo
mechero (accendino) micciariello fiammifero
mocador (fazzoletto) muccaturo fazzoletto
almuerzo (spuntino) muorzo boccone
engarrar (acciuffare) ‘ngarrare indovinare
engrifarse (incresparsi) se ‘ngrifare alterarsi
niño (ragazzo, bambino) ninno, nenna bambino, bambina
tropicar (inciampare) ‘ntruppecare inciampare
ensartar (innestare) ‘nzertare innestare
apalear (picchiare) paliata bastonatura
papel (carta, documento) papiello documento scherzoso, discorso lungo
papos (gozzi, rigonfiamenti) paposcia ernia
para usted (per lei) paraustiello discorso pretestuoso
pasear (passeggiare) passiare passeggiare
pastilla (pasticca) pastiglia pasticca
pelleja (pelle) pellecchia pellicola, pelle raggrinzita
puntillo (orgoglio) puntigliuso capriccioso, ostinato
cuarto (abitazione) quartino appartamento
orejones (nome dato ai peruviani viziosi che si facevano forare e allungare le orecchie) ricchione effeminato
rifar (sorteggiare) riffa lotteria
rejol (pila di mattoni) riggiola piastrella
de svariar (farneticare) sbariare delirare
escabeche (inzuppare) scapece modo di condire le zucchine
escalfar (riscaldare) scarfare riscaldare
chamberga (nastro di seta) sciammeria giacca con la coda
jalapa (gialappa) sciarappa radice medicinale
chocho (lupino) sciosciole frutta secca
semana (settimana) semmana settimana
desgarrar (lacerare) sguarrare lacerare, squarciare
escopeta (fucile) scuppetta fucile
terciar (mettere di sbieco) trezzejare scoprire le carte a poco alla volta
osmar (fiutare) uosemo fiuto
tamara (piantagione di datteri) tamarro persona volgare, cafone
ataud (bara) tavuto bara

Gioia Nasti
© Tutti i diritti riservati

Precedente Napoli sotterranea (5): Toledo, Chiaia e Pizzofalcone Successivo ‘O munaciello, una tradizione napoletana